Seleziona una pagina

La tecnologia però procede a grandi passi e ce ne accorgiamo dalla storia che ripercorriamo su queste pagine dai primi tempi della pellicola fino ai moderni sensori. E’ una storia che mostra come, dopo le difficoltà degli inizi, con l’avvento dell’elettronica prima e del digitale poi, ha iniziato a correre sempre più velocemente: sono nate nuove soluzioni tecniche, sono entrati di nuovi produttori ed altri sono scomparsi in un ritmo sempre più frenetico.

Non sempre però le soluzioni più avanzate sono anche quelle adatte alle nostre esigenze per affrontando il tema molto attuale del Full Frame ne esaminiamo i pro e contro.

Di certo il “pieno formato” caratterizza uno stile e penso che sia sotto questa luce che dobbiamo valutare il suo successo attuale. Per questo sono interessanti le interviste ai vari fotografi che pubblichiamo su queste pagine; tutti rispondono che non è l’attrezzatura che fa la fotografia, ma nello stesso tempo tutti usano fotocamere Full Frame.

Questi alcuni dei temi affrontati

La messa a fuoco selettiva: con un sensore Full Frame è più facile
L’importanza di un’attrezzatura professionale nella fotografia d’azione
Lunghe focali nella fotografia di Street: usiamole bene
Supergrandangolari: danno il meglio con i sensori Full Frame
Paesaggio e teleobiettivo
Fotografia d’architettura o rendering 3D?
I pregi di una composizione difficile

Interviste

Camilla Hylleberg
Blake Pleasant
Fabio Marchini
Riccardo La Valle
Nicholas Pinto
Laureen Burton
Alejandro Ilukewitsch

Progresso Fotografico, in edicola e su Fotografiastore
Source: Fotografia.it