Seleziona una pagina

È già in preordine su suolo americano ma da noi non sappiamo se e quando arriverà. La nuova Theta Z1 è una versione pro anche rispetto a Theta V ma promette di regalare risultati ancora migliori grazie all’utilizzo di un ben più grande sensore da 1"..ma non solo.

Il prezzo al quale è proposta potrebbe spaventare i più, ma bisogna dire che Ricoh ha lavorato molto su questo prodotto e lo ha fatto diventare una vera e propria opzione aggiuntiva per i creativi che lavorano con foto ma soprattutto con video. La novità è chiaramente l’utilizzo di un sensore più grande, che passa dal classico 1/2.3" di Theta V al più grande CMOS retroilluminato da 1" di Theta Z1: è così in grado di acquisire immagine ad una risoluzione di 23 Mpxl (14 Mpxl su Theta V) e video in formato 4K/30 fps (3840 x 1920 pixel). Ma le novità non si fermano qui. Dato che un sensore più grande ha bisogno di un obiettivo più grande, Ricoh ha lavorato anche sull’ottica che ora è composta da 14 elementi suddivisi in 10 gruppi (7 elementi in 6 gruppi su Theta V) per contrastare l’effetto ghosting ed ha un’apertura variabile a piacimento tra f2, f/3.5 ed f/5.6, sia in modalità foto che in modalità video. Infine è stabilizzata OIS a 3 assi. Ricoh ha anche aggiunto alcune nuove modalità: rendering HDR, Interval Composite per la registrazione delle stelle e una modalità Multi-bracketing. Essendo basata su Android è anche incluso il nuovo plug-in "Time-Shift Shooting" che consente di rimuovere la persona che cattura l’immagine dal frame. Le altre caratteristiche sono rimaste invariate: gamma ISO compresa tra 64 e 6400, memoria interna da 19GB, resistente a temperature comprese tra 0° e 40°.
Il design esterno è simile per dimensioni e peso al modello precedente, Theta Z1 è leggermente più bombata e sul fronte presenta un piccolo display Oled da 0.93" per navigare tra le modalità di scatto e le impostazioni.

Come detto, Ricoh Theta Z1 è già in preordine in America ad un prezzo di $ 995. Disponibilità e prezzo per l’Europa non ancora comunicati.
Source: Fotografia.it