Seleziona una pagina

La EOS M6 mark II riprende in versione mirrorless le tematiche di base di EOS 90D riuscendo nell’intento di inscatolarle all’interno di un corpo incredibilmente minuto ed orientato al fotografo che ricerca ancora superiore istintività e maneggevolezza operativa. Stesso sensore CMOS Aps-C da 32,5 Mpxl, stesso range Iso 100-25.600 (H1 da 51.200 ISO), stesso processore Digic 8, stesse prerogative di base nel funzionamento del comparto Af, questa volta ovviamente operante unicamente in LiveView. A livello di raffica in scatto continuo emerge però una differenza che motiva ciò che abbiamo detto in principio a riguardo dell’estensione delle funzionalità a partire da un medesimo punto di partenza. La M6 mark II orienta infatti le proprie risorse verso una raffica veloce da ben 14 scatti al secondo in Raw a 14bit. Merito di certo dell’otturatore elettronico che trova posto sulla mirrorless Aps-C ma anche della gestione elettronica che la porta a rendere possibile al raffica in Burst da 30fps per un massimo di 80 scatti in serie (12 Megapixel a 12bit colore in questo caso, con crop del sensore al 75%). Il tutto avvalorato dalla modalità in pre-scatto la quale tiene conto di mezzo secondo di registrazione prima della pressione del pulsante di scatto in modo da non perdere alcun istante decisivo nel caso di disattenzione del fotografo. Sulla EOS M6 mark II la modalità Af con riconoscimento dell’occhio (sia OneShot sia Servo, tanto in foto quanto in video) è sempre disponibile unitamente al riconoscimento del volto.
Sul fronte dei controlli notiamo la disponibilità di un ottimo mirino EVF opzionale DC-2 (2.36 milioni di punti) da collocare sulla slitta porta accessori il quale rende possibile l’impiego durante l’inquadratura del monitor posteriore per la scelta del punto Af in Touch&Drag. Il pulsante centrale alla leva di selezione Af/Mf può ora essere dedicato all’attivazione dell’Af dissociato dal pulsante di scatto per gli amanti della fotografia di azione più pura. Nondimeno la nuova EOS M6 mark II dispone della possibilità di ricarica diretta tramite connessione Usb Power Delivery e di una opzione Auto Iso che ora viene garantita anche nell’impiego dei flash in E-Ttl. Tutto in poco più di 400 grammi completa di ovvie connessioni Wi-Fi e Bluetooth.
EOS M6 mark II sarà disponibile dal 26 settembre 2019 in varie combinazioni: solo corpo a 972,99 Euro; con obiettivo EF-M 15-45mm e mirino EVF DC2 a 1259 Euro.
Legge le caratteristiche e le specifiche della ‘cugina’ Canon EOS 90D qui.
Source: Fotografia.it